7 lezioni che mi hanno insegnato i bambini

Intelligenza Emotiva: il SEI assessment di Six Seconds è uno strumento per misurarla e allenarla
Sviluppare l’intelligenza emotiva
gennaio 10, 2018
Come sviluppare l'empatia: 5 modi per farlo
Come sviluppare l’empatia: 5 modi per farlo
febbraio 14, 2018
Show all
7 lezioni che mi hanno insegnato i bambini

Quando ho iniziato a insegnare, provenendo da tutta un’altra impostazione, ero orientata a seguire più gli adulti in ambito business. Non avevo mai considerato la possibilità di insegnare ai bambini.

Quando poi sono partita per la Cambogia per propormi come docente di inglese come seconda lingua straniera (ESL – English as a Second Language) non madrelingua, mi sono dovuta arrendere all’evidenza Se volevo vivere in quel paese e quel continente, avrei dovuto accettare il fatto di insegnare ai bambini…e così è successo.
L’inizio non è stato dei più rosei. Insegnavo in una quarta elementare e una bambina, pochi giorni dopo l’inizio delle lezioni mi disse: “Maestra, ma tu sei italiana?” “Sì” risposi io con una punta di orgoglio. “Ah ecco perché non parli bene inglese!”. Una bella stangata per quella che credevo fosse la mia autostima.
Ho avuto l’opportunità di insegnare a diverse fasce di età, dalla seconda elementare alla prima media.
I bambini sono state le persone più esigenti con cui abbia mai lavorato e i miei più grandi maestri. Non hanno filtri, dicono quello che pensano e, a volte, non si rendono conto delle conseguenze delle loro parole.
L’incontro con i bambini è stato provvidenziale. Mi hanno obbligata a guardarmi dentro e lavorare su me stessa e mi hanno aiutato a capire la differenza tra autostima e autoefficacia.  

I bambini mi hanno insegnato tanto, per questo ho pensato di raccogliere in questo post tutto ciò che ho imparato lavorando con loro.

  1. Comunicare le cose belle
    I bambini sanno anche essere molto generosi con i complimenti (che come diceva Louise Hay sono doni di prosperità). Sono i primi a notare le tue scarpe nuove, il taglio di capelli o lo smalto sulle unghie e se lo apprezzano..te lo dicono! Credo che questa spontaneità sia una bella caratteristica…una parola gentile può risollevare l’umore anche ai grandi!
  2. Porre continuamente domande
    Maestra cosa facciamo oggi? Cosa significa la parola che hai scritto alla lavagna? Come funziona questo nuovo gioco?
    A volte non ti lasciano neanche il tempo di dare istruzioni. E’ bello mostrare questa curiosità anche nelle piccole cose. A volte ci fanno domande scomode, lo ammetto, ma non c’è cosa più bella di avere il desiderio di imparare e crescere.
  3. Vivere nel presente
    Certo anche i bambini si pre-occupano e si sentono stressati per i compiti che devono svolgere, ma, soprattutto quelli più piccoli,  hanno una  straordinaria capacità di vivere nel presente senza essere nostalgici rispetto al passato, né ansiosi per il futuro. Il presente è l’unica dimensione che esiste veramente e loro ce lo ricordano!
  4. Lasciar fluire la creatività
    I bambini sanno essere molto creativi e possiedono grandi capacità immaginative. Tutti noi abbiamo le capacità per lasciar fluire la creatività, ma occorre mettere da parte il giudizio verso noi stessi. Essere creativi non significa essere Picasso, ma lasciar emergere quello che abbiamo dentro!
  5. Manifestare la gioia
    Rimango sempre a bocca aperta davanti alle manifestazioni di gioia dei bambini: si esaltano per il Carnevale, per il compleanno, per la festa della mamma o del papà.  E’ bellissimo vedere la gioia nei loro occhi, la loro attesa, come riescano a divertirsi ed esaltarsi con poco.
  6. Essere leggeri
    Quando diventiamo seriosi e ci lasciamo prendere dalle pre-occupazioni della vita quotidiana, tutto diventa pesante. Mi è capitato di arrivare in classe con un po’ di tensione e di uscirne alleggerita. Una risata porta un po’ di leggerezza nella nostra vita!
  7. Nella tenerezza sta la vera forza
    I bambini sono teneri, ci appaiono delicati e fragili, ma sanno essere anche molto forti e determinati. Non hanno paura di mostrarsi vulnerabili ed esprimere le loro emozioni.
    Come cambierebbero le cose se riuscissimo a farlo anche noi adulti?Quali altre lezioni vi hanno insegnato i vostri studenti? Condividete la vostra esperienza, lasciando un commento qui sotto!
Mary Gioffrè
Mary Gioffrè
Ciao! Sono Mary Gioffrè, coach, insegnante di inglese e fondatrice di Insegnanti Consapevoli. La mia missione è accompagnare le insegnanti italiane in un percorso di consapevolezza per riscoprire i propri doni e talenti per insegnare e vivere meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[mc4wp_form id="10215"]