6 mesi di buone notizie a scuola: il progetto della Scatola della Positività

Lettera a genitori-insegnanti-consapevoli-roberto-lovattini
Lettera di un insegnante ai genitori
giugno 12, 2018
5 segnali di bassa intelligenza emotiva-insegnanti-consapevoli
Basso livello di intelligenza emotiva? Cinque segnali per scoprirlo
giugno 26, 2018
Show all
Scatola-della-Positivita-insegnanti-consapevoli-mary-gioffre

Si è concluso a inizio giugno l’edizione pilota del progetto della Scatola della Positività e BrightTG delle Buone Notizie creato da The Bright Side* e  di cui sono stata la coordinatrice. Per 6 mesi, gli studenti e le studentesse di 100 classi italiane tra quinte di scuola primaria e prime, seconde e terze di scuole secondarie di I grado si sono trasformati in cacciatori di buone notizie e hanno contribuito a mostrare  il bello che c’è nel mondo.

Quando siamo partiti non sapevamo esattamente cosa sarebbe successo. C’era solo la volontà di portare positività anche a scuola  e passare un grande messaggio: il mondo non è (solo) come ce lo vogliono mostrare i giornali e i telegiornali. Esistono anche le buone notizie, anche se non vengono raccontate o viene dato loro uno spazio limitato ed è fondamentale abituare i bambini e i giovani a questo!

Gli alunni, coordinati dagli insegnanti, per sei mesi hanno ricercato buone notizie e le hanno inserite nelle scatole  create da loro. Ogni settimana,  votavano la notizia da mandare a The Bright Side, che l’avrebbe postata su Facebook. Il team di The Bright Side selezionava poi le 10 notizie, tra tutte quelle ricevute, da inserire nel video del Bright TG pubblicato ogni lunedì sulla pagina Facebook  e sul canale Youtube.

Una delle scatole della Positività create dalle classi partecipanti: questa quella della Scuola A.Gabelli di Pordenone

Gli studenti, nel corso del progetto, sono diventati sempre più bravi nel ricercare le buone notizie (mettendo in difficoltà il team selezione!) e alcuni hanno anche realizzato dei video e degli audio, parte dei quali sono stati mandati in onda su Radio 24 all’interno del Programma Si Può Fare del sabato e della domenica mattina! (Qui puoi ascoltare l’intervista a Tonino Esposito, ideatore del progetto, e al Maestro Lovattini, docente di una delle classi partecipanti)

I principi che ci hanno guidato sono stati due: semplicità e leggerezza, ispirandoci alla mongolfiera del logo di The Bright Side.
L’obiettivo era lanciare un progetto snello e a costo zero – siamo tutti volontari –  senza addentrarci in cavilli burocratici e così è stato, grazie anche al supporto dei partner.
E’ stato bello leggere i commenti dei ragazzi e degli insegnanti, entusiasti di questo progetto, il cui valore aggiunto era nel processo.
La notizia che veniva postata su Facebook ed eventualmente inserita nel video del BrightTG era solo la parte finale dell’iceberg, quella visibile a tutti.
Dietro c’era tutto il lavoro di coordinamento da parte dell’insegnante, ricerca delle buone notizie da parte degli studenti, in alcuni casi condivisione in famiglia, discussione in classe, scelta della notizia, invio e registrazione dei video o degli audio.

Gli insegnanti ci hanno detto di come, nella maggior parte dei casi, questo progetto abbia avuto un impatto positivo anche sul clima della classe, rendendolo più stimolante, sereno, armonioso e collaborativo . Ricercare le buone notizie è stato anche importante per aiutare gli studenti a  sviluppare il loro spirito critico e l’empatia.
E’ bello vedere che da un’idea semplice sia stato possibile creare qualcosa di così importante e stiamo lavorando alla prossima edizione!

E ora alcune domande di riflessioni per voi, le stesse che abbiamo rivolto  agli studenti.

  1. Quale notizia positiva vorresti sentire/leggere?
  2. Se le notizie fossero un regalo, quale notizia positiva regaleresti e a chi?

    Scrivetelo nei commenti qui sotto!
    P.S.: la condivisione con persone che la pensano come te è importante! Se ancora non ne fai parte, unisciti alla community di  Insegnanti Consapevoli su Facebook! *The Bright Side è una goodnews community, nata a fine 2014, e che dal Maggio 2017 si è anche organizzata con Gruppi di Coordinamento fisici sul territorio con presidi a Milano, Torino, Roma, Napoli, Palermo e altre 8 città.

    L’obiettivo di The Bright Side è mostrare anche l’altro lato dell’informazione, quello positivo e il tanto  bello che accade nel mondo senza limitarsi a quello che i media e i giornali propongono. Ricerchiamo e valorizziamo le buone notizie e le best practice portandole in prima pagina e conservandole in un “contenitore digitale” gratuito e liberamente accessibile sul web attraverso i social media su Twitter  e Facebook.

Mary Gioffrè
Mary Gioffrè
Ciao! Sono Mary Gioffrè, coach, insegnante di inglese e fondatrice di Insegnanti Consapevoli. La mia missione è accompagnare le insegnanti italiane in un percorso di consapevolezza per riscoprire i propri doni e talenti per insegnare e vivere meglio.

2 Comments

  1. Tiziana Paolozzi ha detto:

    Idea splendida cara fondatrice di insegnanti consapevoli . La consapevolezza è l’elemento fattuale nel paradigma della felicità…Evviva i bambini educati alla felicità perché saranno sempre lontani dal generare sopraffazione.
    Grazie
    Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COME CREARE UN CLIMA SERENO IN CLASSE

Creare un clima sereno in classe è l’obiettivo di ogni insegnante. Scarica subito la guida gratuita per conoscere le strategie da mettere subito in pratica!